Viva la pappa? No, grazie! Quando di mangiare non ne vuole sapere…

Viva la pappa? No, grazie! Quando di mangiare non ne vuole sapere…

“Non ti sei mai reso conto di quanto di per sé il cibo sia noioso?”

chiese una volta ad un editore

“È tutto ciò che gli sta intorno a renderlo significativo.

È la sociologia. La politica. La storia.”

In una società come quella italiana, dove il cibo, oltre ad essere un’esigenza biologica, è amore, passione e assume un ruolo di primaria importanza nella vita sociale delle persone, può sembrare assurdo che alcuni bambini non vogliono mangiare.

… E no!  Non parliamo di bimbi che rifiutino le verdure, i cavoletti di Bruxelles, le cose verdi… ci sono bambini che piangono davanti alle caramelle, alla nutella, alla pizza e che fanno una fatica incredibile ad introdurre qualsiasi alimento all’interno della loro bocca.

Le cause possono essere molteplici, ma ci sono bambini che proprio non ne vogliono sapere di quanto siano buone le patatine fritte!

Cosa succede?

Pensate alla prima volta che avete assaggiato il sushi, o il caffè, o il vino, raramente ci piacciono al primo assaggio perché la nostra bocca deve abituarsi a questi sapori nuovi, inediti, deve “desensibilizzassi”; allo stesso modo, la bocca dei nostri bambini quando devono provare gusti o consistenze nuove devono abituarsi e devono farlo in maniera graduale.

L’inappetenza è un problema di equilibrio tra quello che un bambino mangia e quello che sua madre si aspetta che mangi.

I bambini sanno bene ciò di cui hanno bisogno e intorno ai sei mesi sono pronti per iniziare a masticare, quindi prima regola: mamme niente paura!

“Io non so perché dal mio tanto amato latte devo passare a queste cose strane (anche se mi incuriosiscono) e se hai paura tu, che sai cosa mi stai dando, quanta devo averne io?”

Come dicevamo sopra il cibo di per sé è noioso e un bambino che inizia lo svezzamento deve modificare tanto le sue abitudini: prima il pasto era un momento di coccole con la mamma, adesso deve passare al tavolo, alle posate, è tutto diverso!

Cosa possiamo fare per far sì che il bambino si abitui alle novità alimentari?

Facciamo in modo che i momenti del pasto possano essere divertenti, gli alimenti accattivanti, esistono così tante forme, colori, consistenze, storie da inventare!

Presentiamo e facciamo conoscere bene ai nostri bambini questi nuovi amici da mangiare.

Come? GIOCANDO, anche con il cibo e soprattutto INSIEME!

È sempre ora di informarsi!

G.

Nessun commento

Scrivi un commento